HOME|ARCHIVIO NEWS|LEGISLAZIONE

Ue, pagamenti alle Pmi entro 60 giorni

Scritto da Martedì, 21 Settembre 2010 10:40
Il Parlamento europeo, entro il prossimo mese di ottobre, approverà la norma che obbligherà la Pubblica Amministrazione a pagare le aziende fornitrici di servizi e beni entro 60 giorni. Una volta  approvato la norma i Paesi dell'Unione Europea avranno 24 mesi per adeguarsi. Si tratta di una notizia importante per le Pmi che in Italia dovrebbe permettere alle imprese di avere accesso a crediti pari a 70miliardi di euro.
Il Ministero dell’Economia, con D.M. 05/08/2010 (G.U. 10/09/2010, n. 212), ha identificato le nuove attività che possono essere considerate attività connesse all'agricoltura. Per effetto del nuovo Decreto dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2009, e quindi dal 1° gennaio 2010, potranno accedere alla tassazione agevolata prevista per il settore agricolo, anche le seguenti attività (individuate sulla base della classificazione delle attività economiche ATECO 2007):
Dovrebbe arrivare molto presto la registrazione da parte della Corte dei Conti che attiverà i decreti, contenuti nella Finanziaria 2010, che prevedono incentivi per le assunzioni. Il Ministero del Lavoro e il Ministero dell’Economia hanno, infatti, provveduto ad approvare i decreti attuativi degli incentivi alle assunzioni previsti dalla legge 191/2009. Tenuto conto che le misure sono limitate al solo anno 2010 è attesa a breve il via libera della Corte dei Conti.
La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha reso noto, attraverso un comunicato del 3 settembre 2010, che a seguito dell'entrata in funzione del servizio per la trasmissione telefonica dei certificati di malattia è stato completato il pacchetto dei servizi a disposizione dei medici per la trasmissione telematica dei certificati. Il canale telefonico, raggiungibile al numero verde 800013577, permette di superare gli ostacoli che hanno rallentato l'utilizzo del nuovo sistema.

Gli studi di settore sono troppo rigidi

Scritto da Venerdì, 03 Settembre 2010 08:57
La Corte di Cassazione, attraverso l’ordinanza n.18941, ha segnalato che la crisi economica, accertata in un determinato settore e in determinato territorio, è alla base delle incongruenze tra quanto dichiarato dalle imprese e quanto previsto dagli studi di settore. Nella sostanza, gli studi di settore sarebbero troppo rigidi e per questo inadatti a fotografare la reale situazione delle imprese italiane.
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con Italia Lavoro, ha deciso di prorogare il Programma AR.CO., che prevede la concessione di contributi per l'inserimento occupazionale a favore di micro e piccole imprese, al 31 marzo 2011. Ricordiamo che l’ obiettivo del Programma è quello di favorire lo sviluppo territoriale sostenibile e determinare un reale aumento dei livelli di occupazione attraverso azioni specifiche.
Il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso la Circolare n. 3637/C del 10 agosto 2010, ha fornito le indicazioni per l'applicazione della SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) entrata in vigore lo scorso 31 luglio. Queste le attività interessate dal provvedimento:
Il Decreto Legge 31/5/2010, n. 78 di approvazione della manovra finanziaria, in vigore dal 31 maggio 2010, è stato convertito in Legge 30/7/2010, n. 122 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 30/7/2010, n. 176, S.O.) in vigore dal 31 luglio 2010.
Pagina 10 di 16

Prossimi Eventi

Nessun evento

banner associati

chi siamo
banner il nostro impegno per la rappresentanza

calendario

pensione
pensione
pensione
 Banner Right Last 2 sicurezza lavoro
 
FareLazio-Marchio-Selezionato 01
banner-no-loghi