Come stabilito  dalla recente “Legge di stabilità”  a partire dal 2013 i pensionati e tutti coloro che nell’anno precedente hanno beneficiato degli ammortizzatori sociali (Cassa integrazione, disoccupazione, mobilità ecc.) possono rivolgersi alla CNA per ritirare il CUD relativo ai redditi 2012.
L’ASI -  Consorzio Industriale per lo Sviluppo Industriale Frosinone, ai sensi dell’articolo 63 della Legge 448/98, ha avviato la procedura per l’acquisizione degli stabilimenti dismessi situati all’interno dei propri agglomerati industriali secondo specifici piani di riutilizzo con particolare riferimento al compendio industriale VDC Technologies Spa, già Videocolor Spa, sito ad Anagni (Fr) – località Fratta Rotonda.
La CNA di Frosinone prosegue quest’anno il suo impegno particolare a favore delle imprese del settore BAR e Ristorazione, che si unisce all’attività di servizio professionale già offerta in tema di Autocontrollo igienico degli Alimenti e Formazione del personale Alimentarista.Come per l’evento del 2012, che vide la partecipazione di numerose imprese del settore della zona nord della provincia, si tratta di un appuntamento pensato per rispondere alle esigenze di crescita della categoria, condotto da esperti di indubbio valore e capacità.
La CNA di Frosinone ha pubblicato il numero di febbraio del magazine "Artigianato&PMI Oggi". In questo numero:
  • Artigiancoop e CNA Frosinone, risorse a favore delle imprese della provincia
  • Sicurezza nei luoghi di lavoro, la CNA di Frosinone offre Check up gratuiti alle imprese
  • Sicurezza sul lavoro. Autocertificazione valutazione dei rischi rinviata al 30/06/2013
  • Tirocinio formativo professionalizzante
  • SIAE sconto del 25% per gli associati CNA
  • CIG in deroga 2013
Con la chiusura del secondo semestre 2012 ritorna l’appuntamento con l’indagine congiunturale semestrale della CNA di Frosinone. Compila il questionario per permetterci di valutare lo stato dell'economia della prvincia di Frosinone. Il termine ultimo per la compilazione del questionario è martedì 12 febbraio 2013. 

Il Mercato Elettronico della PA

Scritto da Mercoledì, 06 Febbraio 2013 09:26
Il Mepa: cos’è 
 
Il Mercato Elettronico della PA (MEPA) è  uno strumento di eProcurement pubblico, gestito da Consip per conto del Ministero Economia e Finanze. Si tratta di un mercato interamente virtuale in cui le amministrazioni acquirenti e i potenziali fornitori si incontrano, negoziano e perfezionano on line contratti di fornitura legalmente validi. L’utilizzo della firma digitale infatti permette a PA e fornitori di conferire valore legale ai documenti pubblicati e consentire il perfezionamento dei contratti di acquisto.
 
Le PA possono ricercare, confrontare ed acquisire i beni ed i servizi, per valori inferiori alla soglia comunitaria, proposti dalle aziende fornitrici “abilitate” a presentare i propri cataloghi sul sistema. I prodotti ed i servizi sono presentati in cataloghi strutturati e descritti nel rispetto di formati standard e secondo le regole e le condizioni definite da  Consip per ciascun bando merceologico. Gli acquisti possono essere effettuati secondo 2 modalità: l’Ordine diretto (ODA), cioè l’acquisto diretto da catalogo in base alle offerte pubblicate dai fornitori, o la Richiesta di offerta (RdO) grazie alla quale l’amministrazione può richiedere ai fornitori, selezionandoli liberamente tra quelli abilitati,  diverse e ulteriori offerte personalizzate sulla base di specifiche esigenze.
 
 
 
Le novità introdotte dai decreti sulla spending review 
 
L’art. 7 co. 2 del decreto n. 52/2012 - disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica - convertito con modificazioni in L. 6 luglio 2012, n. 94, - modifica il comma 450 dell’art.1 della Legge 296/2006 (Legge Finanziaria 2007) che prevedeva l’obbligo di adesione al Mercato Elettronico della PA per le Amministrazioni Centrali e Periferiche, estendendo tale obbligo alle restanti Amministrazioni pubbliche (di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165).
 
Il d.l. 6-7-2012 n. 95, convertito in legge 7 agosto 2012, n. 135 all’art. 1, rubricato <Riduzione della spesa per l'acquisto di beni e servizi e trasparenza delle procedure> ha stabilito – a far data dal 15 agosto 2012 - la nullità dei contratti stipulati in violazione dell'articolo 26, comma 3 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 e dei contratti stipulati in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip S.p.A.- a tanto aggiungasi che,  tale violazione, costituisce illecito disciplinare ed è causa di responsabilità amministrativa. 
  
I vantaggi per le imprese nell’utilizzo del Mepa
  • disponibilità di un nuovo canale di vendita verso la PA senza spese di ammissione con conseguente ampliamento del mercato potenziale e della visibilità della propria offerta 
  • diminuzione dei tempi e dei costi di vendita derivante dalla riduzione dei costi di intermediazione e di gestione del processo di vendita
             - sensibile riduzione della documentazione da presentare per ogni gara
             - maggior snellezza e velocità delle fasi di presentazione dell’offerta grazie anche alla chiarezza e completezza della documentazione di bando già predisposta 
 
  • aggiornamento della propria offerta grazie al dinamismo dei cataloghi che permette di attuare delle specifiche strategie commerciali volte ad esempio a smaltire overstock o saturare la propria capacità produttiva
 
Cosa puoi vendere con il Mepa
Possono richiedere l’abilitazione al Mercato Elettronico tutte le imprese che abbiano prodotti che rientrano nelle seguenti categorie merceologiche: 
  • Arredi e complementi di arredo 
  • Cancelleria ad uso ufficio e didattico 
  • Dispositivi di protezione individuale
  • Prodotti accessori e materiali di consumo per l'ufficio
  • Servizi di igiene ambientale
  • Servizi di manutenzione impianti elettrici 
  • Servizi di manutenzione impianti elevatori 
  • Conduzione e manutenzione impianti Termoidraulici e di Condizionamento 
  • Servizi di manutenzione degli  impianti antincendio 
  • Beni e servizi ICT
  • Materiale elettrico
  • Materiale igienico sanitario 
  • Beni e servizi per la Sanita’ 
  • Veicoli e mobilità sostenibile
  • Fonti rinnovabili
  • Servizi per eventi
 
  
Cosa devi fare per abilitarti al Mepa
 
I requisiti richiestialle imprese per abilitarsi e quindi pubblicare il proprio catalogo sul MePa sono minimi: essere iscritti alla CCIAA, avere un PC, la connessione ad Internet e la firma digitale, avere un fatturato nell’anno precedente pari a 25.000 euro.
 
Per aiutare le imprese ad abilitarsi, Consip e CNA Frosinone hanno attivato sul territorio  uno Sportello al quale le imprese possono rivolgersi per ricevere spiegazioni sulle modalità di utilizzo del Mercato Elettronico, per presentare la domanda di abilitazione e per essere assistite anche in seguito ad operare sul Mercato Elettronico. 
 
CNA Frosinone
Dott. Giovanni Cortina
Via Mària, 51 - 03100 Frosinone
Tel. 0775.82281
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Le imprese che vogliono abilitarsi presso lo sportello dovranno essere munite di:  
  • Kit di firma digitale (smart card) del legale rappresentante e pin; Lettore smart card compatibile con la firma; ovvero Business Key;
  • La visura camerale per indicare i dati identificativi dell'impresa: la sede legale, i dati del registro imprese, Amministratori, Poteri, l’oggetto sociale. 
  • Dati di Iscrizione all’INPS per indicare la Matricola aziendale INPS; 
  • Dati di Iscrizione all’INAIL per indicare il Codice Ditta INAIL e la Posizione Assicurativa Territoriale - P.A.T.; 
  • CCNL applicato ed il Settore;
  • Verranno richieste inoltre le seguenti dichiarazioni;
  • Fatturato specifico relativo all'anno precedente la richiesta;
  • 1 catalogo cartaceo/elettronico con i prodotti che si vogliono inserire nel catalogo on line.
 
 
Casi di successo grazie all’utilizzo del MePa
Dato il successo dell’iniziativa, negli ultimi anni è stato istituito il premio MePa, un riconoscimento che intende premiare chi si sia particolarmente distinto nell’utilizzo del Mepa (PA e imprese). 
Tra le aziende premiate nel 2010 figura la Misco Italy Computers Supplier S.p.A., impresa milanese che opera su tutto il territorio. L’impresa è stata premiata dalla commissione di gara perché ha “saputo portare a bordo il MEPA quale nuovo elemento di business, avviando una sistematica e attiva partecipazione allo stesso grazie a strutture e servizi dedicati”. 
Oltre ad un aumento consistente del proprio business, la Misco ha evidenziato, nell’utilizzo del MePa, un abbattimento dei costi di gestione grazie alla possibilità di rispondere in tempo reale agli ordini diretti e grazie alla visibilità immediata delle richieste di offerta che consente di interagire in maniera efficace e rapida con le amministrazioni. 
 
Tra le imprese premiate anche la Giannone Computers S.A.S. di Modica (RG), per la capacità e la costanza dimostrate nello sviluppare considerevolmente la propria attività imprenditoriale sia in termini di parco clienti sia in termini di fatturato. L’impresa, che opera in tutta Italia, dichiara che i tempi medi di gestione di un’offerta attraverso il MePa sono di circa 7 giorni
 
Nel 2011 si è aggiudicata il premio la Sem Italia Global Services di Chieti che, grazie alla strategia commerciale messa a punto sul Mepa, con  un’offerta alla Pubblica Amministrazione al 100% disponibile sulla piattaforma, è riuscita ad incrementare notevolmente i clienti PA rispetto ai privati, conseguendo significativi aumenti di fatturato.
Un particolare merito viene riconosciuto, all’interno del premio Mepa, anche agli Sportelli di supporto alle imprese, realizzati da Consip in collaborazione con le Associazioni di categoria, che si siano particolarmente distinte nella promozione del MePa sul territorio (attraverso l’organizzazione di convegni, seminari e incontri formativi) e nell’aiutare le imprese ad abilitarsi e ad utilizzare il MePa.

 

 

Si sono tenuti il 19 e il 26 gennaio  i primi due corsi organizzati dalla CNA di Frosinone, in collaborazione con Officine in Progress e Brain Bee, che hanno permesso già a 30 autoriparatori della nostra provincia di conseguire la certificazione e continuare a lavorare sull’aria condizionata delle automobili con maggiore professionalità e nel rispetto delle nuove normative europee.
Anche per  il 2013 Artigiani, Commercianti, Professionisti e tutte le imprese in difficoltà che normalmente non avrebbero accesso agli ammortizzatori sociali, possono ricorrere alla Cassa integrazione per i propri dipendenti al fine di poter mantenere le maestranze in periodo di crisi contenendo in questo modo il costo del lavoro.
Pagina 8 di 31

Prossimi Eventi

Nessun evento

banner associati

chi siamo
banner il nostro impegno per la rappresentanza

calendario

pensione
pensione
pensione
 Banner Right Last 2 sicurezza lavoro
 
FareLazio-Marchio-Selezionato 01
banner-no-loghi