Artigiancassa in collaborazione con CNA Impresa Donna, mettendo al servizio delle donne la loro esperienza e le loro competenze, hanno dato vita ad un progetto finalizzato a sostenere lo sviluppo delle imprese femminili. Il progetto mira ad individuare le principali difficoltà che le imprenditrici incontrano nella attività lavorativa e a trovare delle risposte concrete con prodotti specifici per agevolarle nella gestione dell'impresa.
“L' indagine del Censis conferma ancora una volta la difficoltà che incontrano le piccole e medie imprese per finanziare la propria attività. Il tema delle garanzie che la CNA pone al centro della propria iniziativa fin dal primo giorno della crisi rappresenta ancora il nodo centrale per le piccole e medie imprese”. Lo ha affermato il segretario generale della CNA, Sergio Silvestrini, commentando i dati pubblicati nel “Diario della ristrutturazione del terziario” ad opera di Censis e Bcc. Lo studio evidenzia che la richiesta di garanzie reali da parte delle banche durante la crisi  ha registrato un vero e proprio boom: +34,8%, da giugno 2009 a giugno 2010.
Sviluppo Lazio ha reso noto che la Regione Lazio, con determinazione n. B6834 del 30 dicembre 2010, ha fissato al 31 marzo 2011 la data di chiusura del bando che concede contributi alle piccole e medie imprese del commercio per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza anticrimine (L. 289/02, annualità 2008).

CNA: "Confidi, strumento fondamentale per le PMI"

Scritto da Giovedì, 16 Dicembre 2010 15:29
I Confidi, veri e propri “ammortizzatori sociali”, hanno contribuito ad attenuare l’impatto della crisi per artigiani e piccole imprese sul fronte dell’accesso al credito.  Nell’anno 2009 hanno erogato quasi 7,5 miliardi di finanziamenti garantiti a circa 700.000 artigiani e piccole imprese, facendo registrare una crescita del 18,5% (pari a oltre 1 miliardo) rispetto al 2008 quando i finanziamenti concessi dai Confidi sono stati 6,2miliardi.
L'Inail ha indetto un bando per incentivare le imprese ad investire sulla sicurezza realizzando interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Le aziende possono presentare:
  • Progetti di investimento. Per esempio la sostituzione di macchinari/attrezzature con altri maggiormente sicuri o il miglioramento della sicurezza di ambienti e impianti;
  • Progetti di formazione. Per esempio l'acquisizione o il miglioramento dei percorsi formativi relativi alla sicurezza dei lavoratori e di altre figure aziendali;
  • Progetti di responsabilità sociale e per l'adozione di modelli organizzativi. Per esempio l'adozione di sistemi di gestione della sicurezza SGSL utili anche per la riduzione dei premi INAIL.
La Regione Lazio, attraverso la deliberazione della Giunta Regionale n.572 del 3 dicembre 2010, ha reso disponibile 500 milioni di euro e autorizzato la sottoscrizione di accordi transattivi tra le Aziende Sanitarie, le Aziende Ospedaliere, gli IRCCS, gli IFO, i Policlinici Universitari pubblici e Azienda ARES 118, da un lato, e i fornitori di beni e servizi del Sistema Sanitario Regionale e/o i loro cessionari, dall’altro, relativamente a crediti per fatture emesse fino al 30 giugno 2010.
L’Assessorato al Lavoro e Formazione della Regione Lazio ha adottato il programma “Lavoro in Chiaro” con gli obiettivi di incentivare le imprese all'assunzione e alla formazione dei lavoratori nonché di favorire l’emersione del lavoro nero. Il programma prevede uno stanziamento di 10.000.000 di Euro. Il contributo per ogni azienda parte da un minimo di 5.000 euro ed arriva ad un massimo di 12.000 euro. La scadenza del bando è prevista per il 30 settembre 2011 e comunque fino ad esaurimento fondi.

La CNA di Frosinone fornirà assistenza per la presentazione della pratica alle imprese associate per la richiesta di contributo.
Il Ministero del lavoro ha emanato le istruzioni (Decreto 26 luglio 2010 n. 53343, pubblicato sulla G.U. n. 253 del 28/10/2010) per la fruizione, da parte dei datori di lavoro interessati, della riduzione contributiva al 10% prevista (art. 2, c. 134, Legge Finanziaria 2010), in via sperimentale per il 2010, per l'assunzione di lavoratori:
  • beneficiari dell'indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali;
  • con almeno 50 anni di età.
Pagina 8 di 11

Prossimi Eventi

Nessun evento

banner associati

chi siamo
banner il nostro impegno per la rappresentanza

calendario

pensione
pensione
pensione
 Banner Right Last 2 sicurezza lavoro
 
FareLazio-Marchio-Selezionato 01
banner-no-loghi