HOME|ARCHIVIO NEWS|CATEGORIE|AUTOTRASPORTATORI
Con il Decreto Ministeriale n. 31 del 26/01/2012, è stato revocato il divieto di circolazione dei veicoli pesanti fuori dai centri abitati previsto per domenica 29 gennaio 2012 dalle ore 8:00 alle ore 22:00. Il Decreto, registrato alla Corte dei Conti, è in  pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Senza sottovalutare la gravità del momento e le conseguenti difficoltà che tutte le categorie stanno affrontando, dobbiamo trovare la lucidità per analizzare oggettivamente le situazioni e, senza prestare il fianco a facili strumentalizzazioni, ricercare le migliori condizioni che possano contribuire a salvaguardare gli interessi delle imprese.
Con un comunicato emanato nella tarda serata del 18 gennaio 2012, le associazioni Conftrasporto, Confartigianato Trasporti e Sna Casa hanno deciso la sospensione del fermo alla luce degli impegni presi dal Governo e confermati in Parlamento dal ministro dello Sviluppo e delle Infrastrutture Corrado Passera.
Il giorno 20 gennaio 2012, alle ore 18.30, presso la Sala Convegni della CNA di Frosinone, in Via Mària, 51, si terrà l’Assemblea FITA/CNA con all’ordine del giorno i seguenti punti:
A seguito dell’entrata in vigore lo scorso 4 dicembre 2011 del regolamento CE 1072/2009, vi è l’obbligo di inserire il numero riportato sulle copie conformi rilasciato dalla MCTC presso il REN (Registro Elettronico Nazionale).
La nostra associazione, pur avendo preso parte come semplice osservatore all'esecutivo che si è svolto il 14 dicembre scorso ed arbitrariamente convocato dal presidente Del Boca e dal Segretario Pasquale Russo, non aderisce alla proclamazione di fermo e si riserva ulteriori determinazioni in merito dopo aver convocato i suoi organismi nazionali e territoriali per discuterne la valenza e la portata.
L’aumento delle accise che produce il duplice effetto di compromettere la già precaria situazione finanziaria  delle aziende  e di aumentare i costi di esercizio che le imprese non riusciranno a ribaltare sul mercato; il cartello dell’industria assicurativa che impone prezzi triplicati rispetto all’anno precedente agli autotrasportatori e sul quale non è stata presa  alcuna iniziativa; la inopportuna e sbagliata posizione dell’antitrust che mira all’abolizione dei costi per la sicurezza; l’aumento delle giornate di divieto di circolazione per i mezzi pesanti; nessuno può ragionevolmente pensare che l’autotrasporto italiano sia in condizione di sostenere il peso di una situazione così drammatica.
Non cambia l’importo della quota per l’iscrizione all’Albo degli Autotrasportatori. Lo ha deciso il Comitato Centrale nella seduta del 25 ottobre. Nessun aumento, quindi: stessi importi per l’iscrizione 2012 di imprese e consorzi, stessi criteri per la determinazione delle quote.
 
Pagina 6 di 8

Prossimi Eventi

Nessun evento

banner associati

chi siamo
banner il nostro impegno per la rappresentanza

calendario

pensione
pensione
pensione
 Banner Right Last 2 sicurezza lavoro
 
FareLazio-Marchio-Selezionato 01
banner-no-loghi